giovedì

TRIESTE: IL SALONE DEGLI INCANTI SI VESTE CON I TESSUTI GAETANO ROSSINI



Manca ormai poco alla serata finale di ITS 2015, il grande evento triestino che chiama a raccolta da ormai 14 anni i creativi di tutto il mondo vedrà la sua conclusione sabato 11 luglio il Salone degli Incanti di Trieste. “The Future” è il concept scelto quest’anno dagli organizzatori, uno sguardo concreto verso ciò che sarà, un gioco di rimandi tra le conquiste già realizzate dal progresso scientifico e l’immaginario di un domani pieno di evoluzioni tecnologiche straordinarie. A condividere questa tematica  vi è sicuramente l’azienda tessile Gaetano Rossini che per l’occasione vestirà con i suoi tessuti parte degli allestimenti progettati per il Salone degli Incanti. Quattro cilindri sospesi che daranno vita ad incantevoli effetti visivi e rivestimenti pensati appositamente per l’area espositiva, due tessuti dalle proprietà straordinarie: una rete tridimensionale 100% Trevira grazie alla cui semi-trasparenza sarà possibile creare giochi di luce streganti e dare vita a proiezioni futuristiche accrescendo la bellezza della scenografia predisposta per l’occasione e una rete spacer selezionata per la sua versatilità e per la capacità di rappresentare un supporto originale, all’interno del quale i prodotti dei main sponsor troveranno il proprio scrigno ideale.


Lo staff di ITS è stato capace negli anni di dare vita ad un network attivo e prolifero, costituito da oltre 1000 scuole presenti in più di 80 paesi e finalizzato a mantenere viva la propria mission: la ricerca e il supporto della creatività. La Gaetano Rossini non poteva trovare partner più affine ai propri ideali essendo un’azienda che da sempre ha investito in ricerca e sviluppo mettendo a punto materiali tanto innovativi da essere considerati una trasposizione del futuro nel nostro presente; l’11 luglio sarà l’occasione per guardare ad alcune tra le innumerevoli applicazioni a cui i tessuti firmati Gaetano Rossini possono dar vita nel settore del design. La Gaetano Rossini, nel corso della sua attività aziendale ordinaria, ha spesso preso parte a collaborazioni extra che potessero dare risalto alla poliedricità dei propri prodotti, permettendo di vedere il tessuto nelle sue svariate applicazioni; tra le più recenti collaborazioni si segnala la sfilata Polimoda Show 2015, organizzata dall’omonima scuola che, nel contesto di Villa Favard a Firenze, ha dato vita ad un evento dedicato ai migliori talenti mergenti del Fashion Design. Tra le venti collezioni, anche quella di Violante Toscani, neo diplomata che ha scelto i tessuti Gaetano Rossini per la sua collezione Women I wanna be ispirata ad una vecchia foto di famiglia del 1975 evocante immagini di un mondo fatto di viaggi, pellicce, tavolini da fumo, moquette e champagne.